Lavorare nella sanità: Quali sono le professioni più ricercate?

Al giorno d’oggi, 1 ragazzo su 5 decide di intraprendere un percorso di studi universitari in Medicina e Farmacologia.

0
65
aziende del farmaco

Un dato importante, specialmente in un paese come il nostro dove la struttura sanitaria è molto attiva lavorare nella sanità è un obbiettivo di molti giovani, con degli standard molto alti, persino rispetto ad altri paesi dell’unione europea.

Non c’è niente di cui preoccuparsi quindi? In realtà si. Ciò che preoccupa il settore infatti, è la scelta della specializzazione universitaria. Molti ragazzi, infatti, preferiscono virare verso specializzazioni più “attive” come l’infermiere o il Medico Chirurgo, semplicemente perché convinti che siano ambiti professionali più utili rispetto ad altri nella cura dei pazienti; ma stando a quanto emerge dagli studi di settore, esiste una vera e propria carenza di studenti in Farmacologia. Lo spiega Giorgio Minotti, presidente della Facoltà Dipartimentale di Medicina e Chirurgia dell’Università Campus Bio-Medico di Roma

Percorsi universitari scelti per utilità

“I ragazzi non sanno di poter intraprendere dei percorsi professionali nell’industria che già esistono, ma ancora non si conoscono. Il ruolo del Medico ha bisogno di essere visto in maniera allargata, ovvero come lo “scopritore di opportunità di cura”.

Le opportunità di lavoro infatti, non necessariamente si trovano solo all’interno dell’industria del farmaco o delle strutture sanitarie, ma anche nelle strutture all’esterno che fanno ricerca per le aziende farmaceutiche.

Il recente caso del Coronavirus ci insegna che, molto spesso, la ricerca per nuove cure e vaccini, è molto più utile e necessaria rispetto alla semplice proattività nel mantenimento delle condizioni di salute dei pazienti.

Le professioni più ricercate

Il futuro prevede nuove competenze professionali più che nuove professionalità. Il settore farmaceutico infatti, nel corso degli anni ha subito dei profondi cambiamenti, con la creazione di almeno 100 nuove figure professionali che si delineeranno nei prossimi anni, e alcune di queste sono ancora da identificare.

La necessità del settore è principalmente mirata ai medici, ma non solo: lo spazio c’è anche per le tante lauree scientifiche da Biologia a Chimica e Farmacia.

Ma quali sono nel dettaglio le professioni più ricercate? Ecco una lista di tutte quelle specializzazioni mediche di cui esiste una vera e propria carenza di professionisti:

  • Esperti di personalizzazione delle terapie;
  • Esperti di ricerca clinica;
  • Esperti in farmacoeconomia;
  • Esperti in farmacogenetica e farmacogenomica.

“Abbiamo difficoltà a trovare laureati in medicina che ricoprano ruoli professionali nelle direzioni scientifiche e nelle direzioni delle ricerche – sottolinea Massimo Scaccabarozzi, presidente della Farmindustria. “Forse – continua – perché i laureati pensano che manchi un po’ la clinica lavorando nell’industria, ma non è così perché invece in questo settore si tocca con mano il processo dall’inizio”.

Anche i Medical Liaison e Medical Advisors sono molto ricercati. “Si tratta di nuove figure professionali che possono essere ricoperte da medici o biologi/biotecnologi, spiega Alfonso Gentile, Medical & Regulatory Director della Takeda Italia per le quali il mercato, in particolare a livello locale, è ancora piuttosto vivace e in cui c’è concorrenza per prendere i giovani più promettenti”. “Le imprese infatti – continua – fanno fatica a trovare medical liaison specializzati in una determinata branca della medicina”.

Insomma, una grande opportunità di lavoro per i ragazzi che vogliono intraprendere un percorso di studi sanitario, orientando la propria scelta verso la creazione di cure. Che ne pensate?

Promuovi la tua attività su VRFORMAZIONE.IT!

Pubblica le tue offerte di Lavoro su VRLAVORO.IT!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui