Naspi e Reddito di Cittadinanza: sono cumulabili?

Si può cumulare il Reddito di Cittadinanza e la Naspi in caso di licenziamento? Vediamo insieme se questi due sussidi sono cumulabili tra di loro!

0
469
naspi reddito

“Si può cumulare il Reddito di Cittadinanza e la Naspi in caso di licenziamento?”

Questa domanda ci è stata posta molto spesso nell’ultimo periodo, specialmente nel momento in cui il Reddito di Cittadinanza è stato avviato e le prime domande sono state presentate sul sito web ufficiale del RdC.

In sostanza, chi percepisce la Naspi può avere anche il Reddito di Cittadinanza? La risposta è si, ma vediamo nel dettaglio cosa sono i due sussidi in questione e la motivazione per cui sono cumulabili.

REDDITO DI CITTADINANZA

Il reddito di cittadinanza è un sostegno al reddito che spetta ai nuclei familiari che sono in difficoltà economiche e al tempo stesso è uno strumento che dovrebbe stimolare la ricerca di occupazione da parte di coloro che ne beneficiano.

Se il beneficiario ha compiuto 67 anni, il sostegno si chiamerà pensione di cittadinanza e avrà esclusivamente finalità di lotta alla povertà. Il reddito, che viene rilasciato attraverso una Carta Rdc emessa da Poste italiane, ammonta a 6.000 euro all’anno in presenza di una sola persona fino a un massimo di 12.600 euro se nel nucleo familiare ci sono altri componenti

La presenza di una casa in affitto o del mutuo da pagare varia l’importo del sostegno mensile. Nel caso di una persona che ha una casa di proprietà e un mutuo da pagare, riceverà al massimo 650 euro al mese: 500 euro di sostegno al reddito e 150 euro per il mutuo.

Nel caso non ci sia un mutuo riceverà solo 500 euro. Nel caso di una persona con reddito pari a zero e casa in affitto riceverà 780 euro al massimo, 500 euro di sostegno al reddito e 280 euro per l’affitto.

Da leggere: REDDITO DI CITTADINANZA

NASPI

La Naspi è un sostegno al cittadino che spetta a coloro i quali abbiano perso involontariamente il posto di lavoro o si siano dimessi per giusta causa.

La durata della Naspi varia in base ai contributi versati da ogni soggetto e può arrivare fino a un massimo di 18 mesi per chi ha lavorato negli ultimi 4 anni.

La durata massima prevista è pari alla metà delle settimane coperte da contribuzione nei quattro anni precedenti il giorno di perdita di lavoro.

Il valore della Naspi non può superare i 1.300€ al mese e verrà ridotta del 3% al mese dopo i primi quattro.

Da leggere: NASPI

RDC E NASPI: SI POSSONO CUMULARE?

Il reddito di cittadinanza è una ”misura attiva di sostegno al lavoro”. Essendo rivolto a favorire un incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, esso non viene erogato a chiunque. Ad esempio, chi è completamente inabile e, quindi, non può svolgere alcuna attività ai fini lavorativi, non ha diritto al RdC.

Questo perché, appunto, non troverebbe senso concedere il Reddito di Cittadinanza a questo soggetto, in quanto non potrebbe rispettare la clausola della ricerca del posto di lavoro.

Per verificare se chi ha la Naspi può ricevere anche il reddito di cittadinanza, ci basta leggere il decreto-legge sul RdC:

«Il Reddito di Cittadiananza è compatibile con il godimento della Naspi […] e di altro strumento di sostegno al reddito».

Le due misure, quindi, sono naturalmente cumulabili: chi percepisce l’assegno di disoccupazione può ugualmente fare domanda del Reddito, ma sempre subordinatamente nel rispetto delle condizioni previste dalla normativa.

Pertanto colui che lo richiede, deve rispettare i limiti Isee e di deposito sul conto corrente.

Ricordiamo inoltre che:

  • il RdC non spetta ai nuclei familiari dove anche un solo componente negli ultimi 12 mesi ha presentato le dimissioni volontarie;
  • la Naspi non spetta al lavoratore che ha presentato le dimissioni volontarie.

In definitiva possiamo concludere ribadendo che il Rdc è compatibile con il godimento della Naspi, ossia con l’indennità di disoccupazione spettante ai lavoratori dipendenti, e di altri assegni a sostegno al reddito per la disoccupazione involontaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui