COME DIVENTARE CHEF DI SUCCESSO

Vegani, sushi chef, master pasticceri,a domicilio e ovviamente anche stellati! La carriera dello chef è oggi di gran moda ma non è solo quello che si vede in tv.

0
67
come diventare chef

DI COSA SI OCCUPA UNO CHEF?

Lo chef è il responsabile della preparazione, produzione e presentazione dei pasti all’interno dei ristoranti o alberghi. Organizza l’attività di cucina, elabora le ricette, progetta i menù, programma il lavoro dei collaboratori ed è responsabile della qualità di tutte le pietanze che escono dalla cucina, dolci compresi.

QUAL E’ LA DIFFERENZA TRA CHEF E CUOCO?

All’ interno della cucina esistono delle gerarchie di norma cosi’ composte: al vertice troviamo lo chef e a seguire sous chef, capopartita e poi i vari cuochi addetti alle relative postazioni fino ai commis e ai plongeur.
Quindi chef non significa “Supercuoco” o il più bravo tra i cuochi ma si tratta di una vera e propria qualifica.

COME SI DIVENTA UNO CHEF?

Per diventare chef non basta saper cucinare o avere passione. Come per ogni professione è necessario studiare.

Sicuramente saranno agevolati gli studenti che hanno frequentato un buon  Istituto Professionale Alberghiero che, oltre a fornire la preparazione tecnica di base, vi permetterà di cominciare a fare esperienza sul campo grazie a periodi di stage formativo presso i ristoranti.

Al termine del triennio dell’Istututo Alberghiero si ottiene la qualifica di operatore di cucina, di servizi di sala e bar o di operatore di ricevimento; il biennio successivo, invece, consente di ottenere il diploma di Tecnico dei Servizi di Ristorazione o Tecnico dei Servizi Turistici.

Da leggere: Assunzioni nel settore alberghiero

Grazie a queste qualifiche si può accedere immediatamente al mondo del lavoro. Chi invece desidera diventare chef dovrà scegliere di frequentare un corso di studi universitario.

Le possibilità  in questo caso sono molte: si può ad esempio scegliere un corso di laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici o in Economia del Turismo, presente in diverse università italiane, per chi vuole una visione più ampia del settore. Chi invece si vuole specializzare, ad esempio nel settore della pasticceria o della panificazione, può frequentare appositi corsi specifici.

Se vi state chiedendo se esiste un percoso universitario specifico la risposta è sì!
Parliamo dell’ Universita delle Scenze Gastronomiche di Pollenzo, si tratta di un’università non statale italiana fondata nel 2004 e riconosciuta dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

QUALI SONO LE ATTITUDINI DA POSSEDERE PER DIVENTARE UNO CHEF DI SUCCESSO?

Chef non si nasce si diventa! Ecco quindi 13 attitudini o soft skills da possedere se si vuole raggiungere il successo.

1. Energia
Giornate lunghe, sempre in piedi, temperature che mettono alla prova, stress continuo: lavorare in un ristorante di livello richiede tanta energia. Sollevare sacchi, spostare padelle, tirare teglie fuori dai forni, affettare, impastare richiede una buona forza fisica.

2. Velocità
Lavorare in cucina vuol dire essere precisi e veloci. Il cliente aspetta!

3. Acutezza mentale
Ricordare tutti i passaggi di una ricetta, aggiustare il sapore di una sfumatura alla volta fino all’equilibrio perfetto, catalogare simultaneamente multiple preparazioni e in fretta non è facile!

4. Essere un (buon) ascoltatore
Per diventare dei veri chef è necessario essere concentrati e ascoltare attentamente quello che le viene detto,  fare attenzione ai dettagli perchè è proprio li che si nascondono i consigli e le esperienze più preziose.

5. Saper seguire
Prima di comandare, bisogna saper seguire! In cucina spesso si parla poco ma bisogna essere in grado di seguire la squadra, interpretando i silenzi e i movimenti delle mani.

6. Dedizione all’organizzazione
La parola magica è ordine! Uno chef capace è organizzato, durante il servizio e fuori dal servizio.

7. Grande palato
C’è chi ce l’ha dalla nascita e chi deve addestrarsi. Ogni sfumatura nel sapore di un piatto è fondamentale, non si deve perdere nemmeno un ingrediente o un’aggiunta di sale.

8. Focus assoluto
Guardare un grande chef al lavoro è un’esperienza illuminante: sono in una dimensione completamente diversa dalla nostra, assorbiti in un processo da cui non possono, e non sono in grado di distrarsi.

Lavorare con un grande chef è davvero una grande occasione, entrare nel team di uno chef stellato come ad esempio il team di Antonino Cannavacciulo potrebbe essere una opportunità unica: sul sito dello chef è possibile candidarsi, non vi resta che collegarvi nella sezione lavora con noi e mandare il curriculum!

9. Saper ascoltare le critiche
Si può imparare tantissimo attraverso la critica senza prenderla sul personale.

Da leggere:  7 Soft skills che fanno la differenza

10. Amore per il cibo
I veri chef hanno un pensiero fisso in testa: il cibo. Vogliono imparare, e soprattutto degustare, il più possibile, ed essere i primi a scoprire le novità.

11. Saper far parte di un gruppo
Grandi cucine sono il risultato di grandi squadre. Il successo di una cucina
è determinato dal lavoro di squadra non del singolo.

12. Passione
Non fate questo mestiere perché va di moda, tanto meno perché vi piace ciò che vedete in tv l’unica cosa che vi manderà avanti è la passione e l’amore per il cibo.

13. Umiltà
Per diventare chef stellati c’è molta strada da fare e serve tantissima forza di volontà. Eppure nulla è impossibile, anzi, la perseveranza viene spesso premiata e umiltà e tenacia sono due requisiti fondamentali.

Hai appena intrapreso il percorso per diventare chef? Raccontaci la tua esperienza nei commmenti!

Se hai trovato interessante l’articolo condividilo oppure iscriviti alla newsletter per ricevere altre notizie dal mondo del lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui