Buyer: chi è, di cosa si occupa e quanto guadagna

Tra le professioni più richieste troviamo il Buyer, ma chi è, cosa fa e cosa bisogna fare per diventarlo!

0
114
come diventare buyer

Il Buyer è una di quelle professioni da sempre esistite che si sono rinnovate e hanno acquisito un ruolo sempre più importante in azienda.

Conoscere le professioni più richieste dal mercato può essere utile anche nell’orientamento scolastico.

Chi è il Buyer

Quando parliamo di buyer ci riferiamo al caro e vecchio responsabile acquisti.

Il Buyer, si occupa di rifornire l’azienda dei prodotti che servono per mantenere attivo il business.
Nello specifico ha il compito di pianificare e gestire gli approvvigionamenti dell’azienda e di coordinare e controllare le attività di acquisto di beni e servizi, in un’ottica di ottimizzazione, miglioramento dei flussi e dei processi di stoccaggio e riduzione dei costi.
A seconda dell’ azienda per la quale si lavora possiamo incontrare:

  • Procurement Buyer : si occupa dell’ acquisto delle materie prime necessarie per la produzione industriale e dell’acquisto di tutto quello che serve al funzionamento quotidiano dei reparti interni: dalle forniture di prodotti per ufficio ai contratti per l’energia.
  • Wholesale Buyer: si occupa di comprare direttamente dai produttori le merci destinate ad essere rivendute alle catene di retail.
  • Retail Buyer: si occupa di acquistare dai grossisti le merci e i prodotti destinati ad essere rivenduti ai consumatori attraverso i punti vendita, e lavora in imprese commerciali o nella distribuzione, ad esempio nei settori della moda (come Fashion Buyer), del retail e della GDO.
  • Buyer di commessa: Se l’azienda lavora per commessa, ad esempio, l’addetto acquisti o si occupa di pianificare gli ordini in base al fabbisogno di materiale e alle specifiche priorità delle commesse, coordinandosi con il Project Manager.

Di cosa si occupa il Buyer

Al centro del lavoro del Buyer c’è  la relazione con i fornitori: trattare e negoziare per acquisire beni e servizi al prezzo più competitivo, senza compromettere la qualità e rispettando il budget.

L’attività di scouting di nuovi fornitori è molto importante: per questo motivo i Buyer partecipano regolarmente alle fiere di settore, eventi B2B dedicati in cui le aziende espongono per i Buyers il meglio della loro produzione.

Il compito principale è quello di pianificare gli acquisti in base ai fabbisogni aziendali e alle esigenze della supply chain, per garantire l’efficienza dei processi di approvvigionamento e al tempo stesso assicurare un saving nel budget di competenza.

Anche verificare il rispetto delle procedure concordate (tempistiche di consegna, qualità dei prodotti, pagamenti…), in collaborazione con il reparto controllo qualità, e contrattare direttamente con i fornitori eventuali reclami e resi è compito dell’ufficio acquisti come pure la gestione gli stock aziendali e dell’archivio dei fornitori.

Il Buyer lavora in aziende produttive di ogni settore – alimentare, chimico, farmaceutico, cosmetico, ICT, meccanico e metalmeccanico, automotive, tessile e molti altri – e in imprese commerciali e industrie della grande distribuzione: GDO, retail, e-commerce.

Requisiti

Il Buyer è inserito in un contesto in continua evoluzione: sono indispensabili l’autonomia decisionale, lo spirito d’iniziativa, la capacità organizzativa e di analisi, facilità nel trattare con le persone e i clienti, affidabilità, abilità comunicativa, di negoziazione e predisposizione al lavoro di gruppo.

Per non minimizzare le qualità di un buon Responsabile Acquisti si potrebbe aggiungere, anche, che la bravura nel problem solving è essenziale in un settore così flessibile.
Necessaria è la conoscenza di una o più lingue straniere, poiché deve stare a contatto con mercati e clienti esteri.

Potrebbe anche interessarti: 7 soft skills che fanno la differenza nel lavoro.

Un Buyer deve anche avere competenze informatiche e saper utilizzare i comuni strumenti di office automation e software gestionali (come SAP) che permettono di controllare lo stato di ordini, pagamenti e consegne, di gestire le procedure amministrative relative agli acquisti e monitorare il parco fornitori.

Percorso di Studi

Per lavorare nell’ufficio acquisti è utile frequentare un istituto tecnico o una scuola professionale a indirizzo commerciale.

A volte, nelle offerte di lavoro per Buyer è richiesto un diploma di laurea, preferibilmente in Economia o in Ingegneria gestionale.

Esistono anche master e corsi di specializzazione nel settore acquisti e logistica, che forniscono conoscenze in materia di gestione degli approvvigionamenti e della supply chain, organizzazione del magazzino, logistica integrata, distribuzione, amministrazione e controllo di gestione.

Tra i più gettonati ci sono i Master in Fashion Buyer o in Professione Buyer: Gestione degli acquisti.

Carriera

Prima di diventare Buyer, si può iniziare a lavorare nel reparto commerciale o nell’ufficio acquisti di un’azienda come impiegato ufficio acquisti junior: si svolgono mansioni di supporto come il controllo delle consegne o dello stato delle scorte, oppure la redazione della reportistica.

Con l’esperienza e l’abilità dimostrata nell’individuare i fornitori e nel condurre trattative che consentono di ottenere il miglior prezzo e la migliore qualità alle migliori condizioni, si può diventare Senior Buyer: una figura che opera in autonomia per garantire la massima efficienza degli approvvigionamenti.

Il Senior Buyer segue personalmente la negoziazione, gestisce le richieste di acquisto e promuove azioni di riduzione costi e cost sharing, confrontandosi quotidianamente con la direzione.

La carriera si può poi sviluppare verso le posizioni manageriali, come direttore/responsabile degli acquisti.

Lavorare come Buyer

La figura del Buyer è strategica in un’azienda, perché il reparto acquisti (insieme alla logistica e alla distribuzione) rientra tra le principali leve a disposizione del management per ottimizzare i costi e massimizzare l’efficienza dei processi.

Compito del Buyer è assicurare all’azienda un approvvigionamento costantemente in linea con le esigenze del business, garantendo competitività e flessibilità all’azienda.

L’impatto del lavoro dell’ufficio acquisti sul successo di un’impresa è quindi notevole, e fonte di grande soddisfazione professionale.

L’orario di lavoro è solitamente un full time tradizionale., e in alcuni casi si ha anche l‘opportunità di viaggiare: ad esempio per fare visita ai fornitori o per partecipare alle fiere internazionali di settore anche se il luogo di lavoro è tipicamente l’ufficio acquisti.

Quanto guadagna un Buyer?

Una posizione junior comincia a 31.800 € all’anno mentre lo stipendio medio per Senior Buyer in Italia è 40.000 € all’anno. Per profili con più esperienza lo stipendio è di 68.000 € all’anno.

Cosa ne pensi di questa posizione lavorativa? la trovi interessante?n Fammelo sapere nei commenti!

Se desideri ricevere aggiornamenti sulle prossime opportunità di lavoro iscriviti alla newsletter!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui